Per un immediato cessate il fuoco in Palestina

Dopo la vittoria democratica di Hamas alle elezioni del 2006 a Gaza, lo Stato di Israele ha messo in atto una morsa economica pesante contro questo territorio, già economicamente molto debole. Una situazione potenzialmente esplosiva, che nelle scorse settimane ha infiammato il Medio Oriente, prima con il lancio di razzi Qassam sul territorio israeliano, a dire di Hamas in risposta ad un raid in Cisgiordania, poi con l’avvio da parte di Israele dell’operazione militare Piombo fuso, da più parti ritenuta largamente sproporzionata. Ad andarci di mezzo sono soprattutto vittime civili palestinesi, colpite a centinaia da questo nuovo capitolo di una tragedia infinita. Il PS esprime preoccupazione per la situazione umanitaria a Gaza e chiede che si giunga immediatamente ad un cessate il fuoco e poi a una tregua che preveda la sospensione dei raid israeliani sui territori palestinesi e dei lanci di razzi Qassam sul territorio israeliano. Il ricorso alle armi è sempre un fallimento: per questo è necessario avviare un nuovo round negoziale per una soluzione duratura del problema israelo-palestinese, irrisolto dalle armi da troppo tempo. Sulla base di questi elementi il PS aderisce all´idea di una manifestazione per la pace in Medio Oriente da tenersi in Ticino e sostiene la manifestazione nazionale prevista per sabato prossimo a Berna.